Schiamazzi e danneggiamenti nel parco di via Isonzo a Villafranca al capolinea: arriva ordinanza di chiusura notturna

Il sindaco di Villafranca di Verona Roberto Dall’Oca interviene sulla questione degli schiamazzi nel parco di via Isonzo sollevata con un’interpellanza nel consiglio comunale e afferma: «Viste le ripetute segnalazioni e visto che il regolamento comunale lo consente, firmerò un’ordinanza, che non c’è attualmente, per la chiusura del parco dalle 23 alle 7 in modo che chi entra è già di per sé sanzionabile». Problema pertanto già dibattuto più volte in passato sempre in consiglio comunale, a causa delle lamentele dei residenti anche per i comportamenti, anche incivili, diurni e non solo di notte come adesso. Infatti diverse persone anche con schiamazzi notturni, nei parchi pubblici, disturbano i residenti e le famiglie, oltre che distruggere cestini e altalene e tentare di abbattere la recinzione dell’area cani, sono nel mirino dell’Amministrazione comunale e delle forze dell’ordine che già da tempo ma coinvolgendo quasi sempre minori e per questo il caso è molto delicato. E purtroppo l’educazione non si può comperare al supermercato.
«È un problema conosciuto, purtroppo diffuso non solo su via Isonzo ma sull’intero territorio comunale, un malcostume dei nostri giovani, un fenomeno che dilaga da tempo in tutti i comuni – dichiara ancora il sindaco di Villafranca Roberto Dall’oca -. Ma non reputo giusto togliere la libertà ai più per colpa di dieci ragazzini ma, proprio perché non si vuole togliere spazio con provvedimenti troppo restrittivi a chi invece si comporta educatamente, l’amministrazione, da tempo, sta organizzando azioni per scoraggiare questi comportamenti incivili. Abbiamo intensificato i controlli, identificato i giovani, che sono spesso minorenni, e parlato con i residenti, che hanno dato la loro disponibilità per contribuire alla soluzione del problema. Purtroppo, spesso questi gesti non sono di teppisti, ma in gran parte una richiesta di aiuto, un grido d’allarme dei nostri giovani che soffrono di un disagio giovanile, che non può essere risolto solo con la repressione. A questo grido di allarme non ho nessuna intenzione di rimanere sordo. Esistono già dei regolamenti dove si vieta il bivacco e specialmente consumo di alcolici nei parchi, se ci sarà bisogno inaspriremo le sanzioni, moltiplicando controlli in sinergia con le forze dell’ordine».
Il consigliere comunale Stefano Toffalini, che da mesi segue la problematica assieme a un gruppo di residenti, si è reso disponibile all’apertura e alla chiusura del parco di via Isonzo. «Ogni strumento sarà utile per scoraggiare i teppisti che creano un danno continuo alla comunità – afferma Toffalini -. Se necessario, si installeranno telecamere in affiancamento al pattugliamento straordinario. Non andremo più a tollerare certi atteggiamenti. Chiediamo la collaborazione dei cittadini per segnalare e denunciare ogni comportamento scorretto».
Il senso civico, parte di fondo da casa, all’interno della famiglia, dalla scuola. «E’ evidente che in questi casi ci sono dei problemi a monte – sottolinea l’assessore Nicola Terilli – e per questo abbiamo deciso, insieme ai servizi sociali, di fare ricorso anche al supporto degli educatori di strada per avvicinare questi ragazzi e cercare di capire e risolvere anche il loro disagio. Solo con un’azione comune riusciremo a dare una risposta concreta».

L C

Fonti: http://www.targetnotizie.it/articolo.php?id=7587

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui