Natale a Verona: si prepara la grande festa.

Quando è stato pensato ed avviato questo progetto, le feste natalizie erano per Verona un periodo di bassa stagione. Ora, come accaduto nell’edizione dello scorso anno, si aspettano l’arrivo di circa 5 milioni di visitatori

Dalla cultura al divertimento per le famiglie, dall’enogastronomia al turismo religioso. E ancora, dallo sport al turismo ‘esperienziale’. Con oltre mille eventi in calendario tra città e provincia, è partita oggi ufficialmente l’edizione 2019 di “Natale a Verona, sul lago di Garda e nella provincia”.

Le luminarie in via Mazzini e in diverse vie del centro storico sono in fase di allestimento. Già da qualche settimana è stato completato il grande albero di Natale, sponsorizzato da Bauli, davanti a Porta Nuova, all’ingresso della città, albero che si accenderà venerdì 15 novembre, alle 17.30 alla presenza della famiglia Bauli e del sindaco Federico Sboarina.
Insomma, Verona è già pronta ai festeggiamenti natalizi e proprio questa mattina, a palazzo Barbieri, è stata presentata l’edizione 2019 di “Natale a Verona, sul lago di Garda e nella provincia”.

Giunti a Palazzo Barbieri con un corteo che ha attraversato tutta piazza Bra, Babbo Natale e Santa Lucia, accompagnati dalle principali mascotte della manifestazione, sono stati accolti dal sindaco Federico Sboarina insieme all’assessore al Commercio Nicolò Zavarise e al presidente di Confcommercio Verona Paolo Arena. Presenti anche il presidente del Comitato Verona Luciano Corsi e alcuni dei rappresentanti degli undici Comuni della provincia coinvolti, il sindaco di Villafranca Roberto Dall’Oca, il sindaco di Valeggio sul Mincio Alessandro Gardoni, l’assessore alle Manifestazioni e promozione territorio di Bussolengo Massimo Girelli, l’assessore al commercio di San Bonifacio Simona De Luca e il consigliere delegato alle manifestazioni di Bardolino Carlotta Bonuzzi

«Si apre oggi ufficialmente la 15ᵃ edizione di un progetto promozionale che, negli anni – ha spiegato il presidente Arena – ha saputo coinvolgere un sempre maggior numero di Comuni della nostra Provincia. Il saper fare squadra che ci ha permesso di lavorare in perfetta sinergia con tutti gli attori pubblici e privati coinvolti. Grazie a loro, questa manifestazione è diventata uno straordinario fonte di aggregazione per l’economia e per il turismo natalizio, un appuntamento capace di mettere in luce le nostre eccellenze: paesaggio, arte, cultura ed enogastronomia.

Al di là dei numeri, l’impegno degli organizzatori è rivolto al far continuare a crescere la qualità e la quantità degli appuntamenti, in modo da creare nuovi ed importanti momenti di richiamo per un pubblico sempre più entusiasta ed ampio».

«Oltre trent’anni fa – ha ricordato il sindaco Sboarina –, con la prima mostra dei presepi in Arena e l’installazione dell’opera ‘Stella cadente’ in piazza Bra, hanno preso il via a Verona le prime forme di promozione della città durante il periodo di Natale. Un’attività cresciuta costantemente nel tempo, che ci consente oggi, con il coinvolgimento di più amministrazioni locali e partner privati, di offrire in città e provincia un ampio ed interessante programma di eventi. Il Natale a Verona è l’appuntamento da non perdere a livello internazionale».

“I mercatini saranno ancora di più vetrina del nostro territorio – ha precisato l’assessore Zavarise – proponendo e valorizzando le tipicità e le eccellenze enogastronomiche veronesi.

Da sabato 16 novembre entra nel vivo anche la 15ᵃ edizione della kermesse natalizia veronese. Coinvolti, oltre al Comune di Verona, i Comuni di Villafranca, Valeggio sul Mincio, Bussolengo, Peschiera del Garda, Castelnuovo del Garda, Lazise, Bardolino, Garda, Torri del Benaco, Brenzone sul Garda e Malcesine.

L. C.

(FONTI:https://www.larena.it/territori/citt%C3%A0/natale-a-verona-albero-luminarie-e-corteo-di-santa-lucia-e-babbo-natale-in-bra-1.7779698 – https://ufficiostampa.comune.verona.it/nqcontent.cfm?a_id=9561&id_com=25271)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui