Ampliamento Regioni in zona gialla.

Roberto Speranza, ministro della Salute, sulla scorta dei dati della Cabina di Regia trovatasi venerdì 11 dicembre, sottoscriverà la nuova ordinanza con cui disporre il cambio di fascia di rischio per le Regioni Calabria, Basilicata, Lombardia e Piemonte che in tal modo diverranno zona gialla. L’ordinanza di Speranza sarà in vigore a partire da domenica 13 dicembre. A renderlo pubblico è stato lo stesso ministero della Salute che poi specifica come l’ordinanza disporrà inoltre che l’Abruzzo diventi zona arancione sempre da domenica (sabato invece sarà ripristinato zona rossa, per un solo giorno, a causa della sentenza del Tar).
Per il Veneto invece nessuna novità in vista e zona di rischio confermata. La Regione del presidente Luca Zaia rimarrà zona gialla. Tuttavia da sabato 12 dicembre sarà in vigore l’ordinanza regionale firmata dallo stesso governatore del Veneto il 10 dicembre e che impone allo stesso modo una serie di nuove restrizioni rispetto a quanto previsto dal Dpcm per l’area gialla.
Resta il fatto che sul tema spostamenti interregionali, con Lombardia ed anche Piemonte ritornate ufficialmente zona gialla da domenica, inizierà in tal modo dal 13 dicembre una fase di facile elevata mobilità fino al 20 dicembre, anche per ragioni di turismo (ovviamente sempre con “coprifuoco” dalle ore 22 e le 5). In ogni caso, indipendentemente dal colore, il divieto di spostamenti tra Regioni diverse, e dunque anche tra Regioni zone gialle, entrerà in vigore, secondo quanto disposto dal decreto-legge n. 158 e dall’ultimo Dpcm, solo a partire da lunedì 21 dicembre. Nel frattempo, dal 13 al 20 dicembre, sarà predisposto spostarsi senza alcuna motivazione partendo da una Regione zona gialla con luogo di destinazione anche in un’altra Regione, purché sia zona gialla.

L C

Fonti: https://www.veronasera.it/cronaca/veneto-resta-zona-gialla-lombardia-piemonte-covid-11-dicembre-2020.html

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui