Aumenta il bonus Covid per il sostegno all’affitto.

Nell’emergenza Covid-19  sono aumentate anche le risorse del Fondo speciale regionale per il sostegno all’affitto: il bonus “Covid” per la casa, destinato a chi nei mesi del “lockdown” ha perso almeno il 50 per cento delle proprie entrate, a loro malgrado sale da 400 a 600 euro ed è stato esteso a una platea più ampia di beneficiari. Ciò è quanto deciso dalla Giunta regionale del Veneto, su proposta dell’assessore al sociale e all’edilizia residenziale Manuela Lanzarin, per far fronte al gran numero di domande pervenute per questa misura straordinaria di sostegno all’affitto adottata in via sperimentale nella fase più grave dell’emergenza sanitaria e sociale. L’assessore Lanzarin ha affermato:
“La Regione Veneto ha già impegnato 2,5 milioni di euro per assegnare un bonus di 400 euro a 6.021 famiglie che hanno dimostrato di aver subito una perdita di almeno il 50 per cento delle proprie entrate tra marzo e maggio e, nell’anno precedente non hanno avuto redditi superiori a 50 mila euro. Ma le domande valide pervenute dal 15 giugno al 5 luglio sfiorano le 19 mila. Perciò la Regione ha disposto di incrementare questa forma di sostegno al pagamento dell’affitto, destinando al fondo FSA-covid ulteriori 4,5 milioni di euro, resi disponibili dal Fondo nazionale per l’accesso all’abitazione. Dato il successo di questa misura sperimentale e le procedure semplificate introdotte per la prima volta per presentare domanda e redigere le graduatorie, ritengo che questo sia il modo migliore per impegnare buona parte delle risorse aggiuntive che il ministero ci ha promesso”.
Perciò quanti hanno già richiesto per l’affitto di appartamenti col bonus Covid, e hanno dichiarato il dimezzamento delle loro entrate ordinarie a causa del lockdown e hanno presentato o presenteranno una dichiarazione ISEE non superiore a 35.000, riceveranno 200 euro in più. Per loro l’assegno Fsa-covid aumenta da 400 a 600 euro. In più, i cittadini che hanno dichiarato una riduzione delle entrate dal 30 al 50% rispetto all’anno precedente e, hanno presentato o presenteranno una dichiarazione ISEE non superiore a 35.000, riceveranno, senza dover ripresentare la domanda, un assegno di 300 euro.
Quindi a breve si riapriranno i termini per permettere a coloro che, nella prima edizione, non sono riusciti a presentare domanda o ritenevano di non avere i requisiti necessari, per chiedere il bonus affitti, fermo restando che non saranno prese in esame nuova domande per chi l’ha già presentata. Nel contempo la Regione Veneto ha informato i Comuni che entro l’anno verranno ripartiti i contributi 2020 per favorire l’accesso alla casa in affitto. Il Ministero per le Infrastrutture ha assegnato al Veneto 10,6 milioni di euro aggiuntivi per il 2020, di cui 6,1 milioni destinati, dalla Regione, ad essere suddivisi tra i Comuni a sostegno dei nuclei più in difficoltà nel pagamento dei canoni di locazione. Ai Comuni viene chiesta una compartecipazione al fondo da un minimo di 2 mila euro ad un massimo di 50 mila euro per i comuni capoluogo del Veneto più popolosi. L’assessore Lanzarin infine promette:
“Dato il contesto di crisi e difficoltà economica in cui versano molte famiglie, anche del ceto medio puntiamo ad erogare questi fondi ai Comuni interessati entro l’anno”.

L C

Fonti: https://primadituttoverona.it/cronaca/aumenta-il-valore-del-bonus-covid-per-gli-affitti-e-viene-esteso-a-una-platea-piu-ampia/?refresh_ce

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui