Covid-19: la Fondazione Piccola Fraternità Onlus in prima fila per le fragilità sociali.

Proprio per affrontare le fragilità sociale in questo delicato periodo di emergenza sanitaria Covid-19 la Fondazione Piccola Fraternità Onlus di Dossobuono -Villafranca di Verona- si è messa come sempre a disposizione. Organizza e propone, con il patrocinio del Comune di Villafranca, due servizi dedicati ai cittadini per aiutarli maggiormente a superare momenti di difficoltà. «L’obiettivo della Fondazione Piccola Fraternità – dichiara il portavoce Federico Zenari – è creare progettazioni all’interno della comunità di Villafranca».
“Spesa a Casa” è il servizio gratuito di consegna della spesa alimentare a domicilio, destinato a coloro che sono purtroppo impossibilitati a muoversi. «Viene svolto grazie all’aiuto di alcuni volontari – interviene Cecilia Leon Rojas – . Il servizio viene prenotato al mattino e gli addetti al servizio consegneranno la spesa nel pomeriggio a domicilio».
Il servizio è gratuito ma è possibile dare un contributo libero da parte dell’utente.
Con la collaborazione del gruppo «Insieme si Può», costituito da Auser, San Vincenzo, Unitalsi, Associazione e Fondazione Piccola Fraternità e Ministri della Comunione e Confraternita del Santissimo, riparte invece il servizio gratuito di contatto telefonico “Un Nonno per Amico”, coordinato da Miranda Besaldo. «Abbiamo iniziato ancora del 2015 quindi il servizio non è, non sostituisce o integra, i numeri per l’emergenza sanitaria, né si configura come un numero per informazioni in merito all’emergenza in atto – evidenzia -. Sarà gratuito e attivo il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12 e potrà essere esteso anche nel fine settimana compatibilmente con il reperimento degli addetti».
Gli uffici comunali individueranno i possibili destinatari del servizio e in seguito forniranno i contatti agli addetti incaricati. «La Fondazione Piccola Fraternità di Dossobuono da tempo incontra le persone per realizzare un vero welfare di comunità – delucida l’assessore Nicola Terilli -. Stanno nascendo molte progettualità. Il progetto “Un Nonno per Amico” era partito con l’obiettivo di contattare le persone prevalentemente anziane che potevano vivere momenti di solitudine per dialogare con loro e capire se c’erano problematiche di tipo sociale. Si è poi inserito nella progettualità di we care. Non solo solitudine ma anche emergenza alimentare e abitativa».
Le persone che intendono usufruire dei servizi possono contattare il tel. 347 8115691 o scrivere a dossobuono@abbracciverona.org.

L C

Fonti: http://www.targetnotizie.it/articolo.php?id=7843

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui