Covid-19: proroga Dcpm e obbligo di indossare la mascherina anche nei luoghi all’aperto.

Con l’arrivo del nuovo Dpcm, secondo il quale verrebbe eventualmente prorogato il precedente decreto e le prevenzioni in esso contenute, proprio per non incorrere in un “vuoto normativo”. Ma non è detto, perché se con la votazione di mercoledì 7 ottobre la Camera ha approvato una risoluzione della maggioranza in materia Coronavirus, con 253 “sì” e 3 “no”, con cui viene impegnato il governo a «disporre la proroga dello stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021» e «a provvedere affinché su tutto il territorio nazionale sia introdotto l’obbligo di indossare la mascherina anche nei luoghi all’aperto e per l’intero arco della giornata».
Per adesso si stanno infatti accavallando due “partite amministrative” in queste ore concitate, quella cioè della proroga dello “stato di emergenza”, vale a dire il quadro di riferimento generale nel quale si possono poi inscrivere tutti gli altri atti relativi alla gestione della pandemia Covid-19 e, dall’altra sponda, l’approvazione di un nuovo Dpcm, con quello finora vigente che sarebbe in scadenza proprio mercoledì 7 ottobre. Lo “stato di emergenza” prevederebbe a sua volta l’originaria scadenza stipulata per il 15 ottobre, ma come appena visto l’approvazione della risoluzione della maggioranza di ha delineato in via ufficiale la strada per la sua proroga fino al prossimo 31 gennaio 2021. A questo punto il Consiglio dei ministri riunitosi proprio mercoledì 7 dovrebbe limare ed approvare il nuovo Dpcm, mentre nelle scorse ore era stata come detto ventilata l’ipotesi di un rinvio alla prossima settimana con la proroga non oltre il 15 ottobre al precedente decreto.
Rimane comunque ad ogni modo sin da subito confermata la principale delle novità ormai ampiamente annunciata, vale a dire la continuazione dell’obbligo di indossare la mascherina non più solo all’interno di spazi chiusi, ma anche quando ci si trova all’aperto. Il ministro della Salute Roberto Speranza nel suo intervento era stato chiaro, spiegando che «saranno confermate tutte le misure anticontagio già assunte e sarà introdotto l’obbligo di utilizzare le mascherine anche all’aperto». Lo stesso Speranza aveva poi ribadito che «il nuovo Dpcm sarà fondato sulle regole fondamentali su cui concorda tutta la comunità scientifica: utilizzo delle mascherine, distanziamento di almeno un metro tra le persone e divieto di assembramento, lavaggio delle mani».
In tema di indossare le mascherine all’aperto, la bozza del nuovo Dpcm che ha iniziato a circolare nelle scorse ore recita come segue: «Obbligo di avere sempre con sé, al di fuori della propria abitazione, dispositivi di protezione individuale, con possibilità di prevederne l’obbligatorietà dell’utlizzo anche all’aperto allorché si sia in prossimità di altre persone non conviventi, e comunque con salvezza dei protocolli anti-contagio previsti per specifiche attività economiche e produttive, nonché delle linee guida per il consumo di cibi e bevande». La prescrizione non riguarderebbe però i bambini sotto i sei anni, chi sta svolgendo attività motoria o sportiva e le persone con patologie o disabilità non compatibili con l’uso della mascherina.
Una volta prorogato lo “stato di emergenza” in tema di lavoro resterebbe saldo l’incentivo allo “smart working” per quelle tipologie di impiego che lo consentano, oltre naturalmente al dovere di rispettare i protocolli di sicurezza previsti nei vari luoghi di lavoro. In merito resta ovviamente da capire se anche i controlli saranno davvero più serrati, ad esempio circa il rispetto delle distanze tra persone nei locali quali bar e ristoranti. Le ventilate limitazioni circa gli orari di apertura non dovrebbero invece per il momento trovare conferma nel nuovo Dpcm.
Per quanto concerne cinema, teatri ed in genere i luoghi dello spettacolo, dovrebbero essere stabiliti i limiti di 1.000 spettatori all’aperto e 200 negli ambienti chiusi. Se dovesse essere avvallata la linea del rigore, il governo parrebbe intenzionato a limitare i poteri di deroga delle Regioni soltanto ad alcuni ambiti specifici che dovrebbero essere indicati esplicitamente nel nuovo Dpcm una volta varato e sempre previa informazione del ministro della Salute ed approvazione del Comitato tecnico scientifico.
Le multe previste per chi non rispetta le norme vanno dai 400 ai 1.000 euro, ma per i soggetti che non rispettano nello specifico il vincolo della quarantena, nei casi previsti, si può incorrere in una sanzione penale con arresto da 3 a 18 mesi e un’ammenda da 500 a 5.000 euro. Per quello che riguarda infine gli ingressi in Italia dall’estero, le nuove misure dovrebbero prevedere l’obbligo del tampone anche per chi proviene dall’Olanda, dal Belgio e dalla Gran Bretagna, dopo che ad oggi il test obbligatorio è previsto invece per chi giunge da Spagna, Malta, sette specifiche regioni della Francia, Grecia e Croazia.

L C

Fonti: https://www.veronasera.it/cronaca/stato-emergenza-dpcm-norme-coronavirus-covid-7-ottobre-2020.html

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui