I dati Covid-19 a Verona sono in miglioramento e si pensa alle prossime aperture

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia, nella mattina del 14 aprile, ha tenuto da solo l’aggiornamento sull’emergenza sanitaria Covid-19. «Parto subito con il bollettino di questa mattina – ha dichiarato – I positivi trovati nelle ultime 24 ore sono 1.081 e i loro test rappresentano il 2,67% dei 40.474 tamponi eseguiti. I ricoverati per Covid sono 2.013 (-63 da ieri), così suddivisi: 1.736 in area non critica e 277 in terapia intensiva. Ed in terapia intensiva ci sono anche 276 pazienti non Covid».
I relativi grafici e i numeri sull’andamento pandemico sono stati poi commentati così dal presidente Zaia: «Le curve sui positivi al virus e sui ricoverati per Covid stanno scendendo, quindi la tendenza è buona. E se ci fosse un’inversione di tendenza in questo momento sarebbe qualcosa di mai visto da febbraio 2020 a oggi. In area non critica, la diminuzione dei ricoverati si vede nei grafici di tutte le Ulss, anche in quella di Verona che è la più rognosa. Ad ogni ondata, la provincia di Verona ha avuto un andamento atipico rispetto al resto del Veneto: alla prima ondata, la coda dell’infezione non scendeva più; nella seconda ondata, c’è stata la saturazione delle terapie intensive ed in questa terza ondata è stata l’ultima a calare, ma ha calato. Quindi sembra che abbiamo imboccato la strada giusta».
Messe da parte le cifre, il presidente del Veneto ha poi parlato di date, citando quella dell’11 giugno, quando a Roma si giocherà la prima partita degli Europei di calcio in uno stadio Olimpico aperto al pubblico al 25% della capienza. «Ma io immagino che l’11 giugno sia la parte finale delle riaperture – ha specificato Luca Zaia – Dobbiamo capire quante attività riusciamo ad aprire fino all’11 giugno. Già in questo mese di aprile dobbiamo cambiare qualcosa e spero che in questa settimana si concluda il lavoro per le linee guida che le Regioni proporranno al Governo. È verosimile, dunque, che ci sia un giro di boa».
Per concludere, Zaia ha fatto il punto anche sulla campagna vaccinale anti-Covid: «Questa settimana terminiamo le vaccinazioni di tutti gli over 80, anche se sarà inevitabile che qualcuno sfugga. Quindi dico a tutti gli ultraottantenni che non hanno avuto nessuna comunicazione di informarsi sulle modalità di vaccinazione della propria provincia. E ringrazio i sindaci che si sono messi a disposizione perché ci sono cittadini che non hanno ancora dato risposta. Sono pochi, ma ci sono. Parallelamente andiamo avanti con le vaccinazioni dei cittadini con fragilità e con disabilità e vi anticipo che i cittadini tra i 70 e i 79 anni avranno presto la possibilità di prenotare la vaccinazione per se stesso e per il proprio accompagnatore, se quest’ultimo ha più di 70 anni».

L C

Fonti: https://www.veronasera.it/video/coronavirus-covid-19-zaia-veneto-vaccini-14-aprile-2021.html

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui