I soccorritori di strada svolgeranno la propria “missione” anche sui bus Atv.

La popolazione veronese è già abituata alla loro presenza nei parchi comunali cittadini, nelle strade e nei mercati, pronti a prestare la loro opera immediata di assistenza sanitaria e primo soccorso a chiunque abbia necessità o si trovi in situazioni di difficoltà. Da mercoledì 10 febbraio i Volontari soccorritori DAE aderenti all’ANIOC (Associazione Insigniti Onorificenze Cavalleresche) Ente affiliato ANAS, adempiranno alla propria “missione” anche sui bus di ATV che circolano nella città, dove potranno salire gratuitamente, indossando la divisa d’ordinanza, in virtù della convenzione siglata con l’Azienda Trasporti Verona.
In merito alla loro preparazione specifica, i Volontari sono in grado di intervenire in caso di necessità svolgendo operazioni di primo soccorso come il contatto con il 118, l’eventuale rianimazione cardio polmonare, fino alla defibrillazione con l’utilizzo dell’apposito dispositivo semiautomatico di cui sono dotate le squadre in servizio.
I “soccorritori di strada” perciò potranno usufruire gratuitamente dei mezzi ATV per raggiungere i luoghi dove sono chiamati a prestare servizio, come parchi cittadini, mercati, eventi, o semplicemente per offrire presenza e assistenza nelle strade e piazze del centro e delle periferie. Inoltre anche gli utenti dei bus ATV potranno contare sul loro aiuto.
“Abbiamo aderito volentieri alla proposta dei Volontari soccorritori – afferma il Direttore Generale di ATV, Stefano Zaninelli – considerando doveroso il fatto di agevolarne l’operato consentendo la libera circolazione sui mezzi pubblici. D’altra parte la loro presenza sugli autobus sarà un motivo di rassicurazione per tutti i nostri utenti, soprattutto nelle ore serali. La loro capacità di intervento in caso di primo soccorso è certamente un valore aggiunto che può rivelarsi prezioso in situazioni di emergenza. Possono inoltre rappresentare un valido deterrente per prevenire situazioni di pericolo o scoraggiare malintenzionati e balordi che – i fatti di cronaca purtroppo ce lo confermano – talvolta creano problemi a bordo dei nostri mezzi”.
I Volontari soccorritori dell’ANIOC ammontano circa a una cinquantina di operatori divisi in squadre, che si alternano quotidianamente per assicurare la loro presenza sul territorio.
“Una bella collaborazione che crea valore aggiunto, per migliorare costantemente il servizio cittadino soprattutto in termini di sicurezza – delucida l’assessore alla Viabilità Luca Zanotto -. La presenza dei volontari sui nostri autobus, infatti, sarà non solo un deterrente per chi pensa di poter infrangere le regole, ma in primo luogo un supporto a tutti gli utenti del trasporto pubblico. La loro divisa è garanzia di preparazione nell’assistenza sanitaria e nel primo soccorso. Ringrazio pertanto Atv e Anioc per aver stretto questa sinergia a beneficio di tutta la città”.
“I veronesi li conoscono e riconoscono la loro divisa, per questo la presenza dei volontari sugli autobus sarà efficace – conferma l’assessore al Commercio Nicolò Zavarise -. Abbiamo sostenuto questa collaborazione, dopo aver sperimentato l’impiego dei soccorritori di strada Anioc durante il lockdown e nei mercati di quartiere per far rispettare le misure anti Covid. Ormai sono un punto di riferimento e l’Amministrazione comunale non può che essere orgogliosa di saperli a servizio della città”.

L C

Fonti: https://www.mattinodiverona.it/2021/02/10/bus-atv-piu-sicuri-grazie-ai-soccorritori-di-strada/