L’aereoporto di Villafranca pronto a ripartire in sicurezza… in attesa del 18 maggio.

L’aeroporto Valerio Catullo di Villafranca di Verona è pronto per la ripartenza in totale sicurezza del passeggeri e del personale dal 18 maggio. Con la crisi Covid-19 che stiamo vivendo dovrà forzatamente restare chiuso ai voli commerciali fino al 17 maggio secondo quanto stabilito dal Decreto del Ministero dei Trasporti del 5 maggio scorso, si è già organizzato per la ripartenza. Saranno adottate le misure in toto che garantiscono la sicurezza della salute di passeggeri e operatori e comprendono anche l’utilizzo di termoscanner e la ridefinizione degli spazi in considerazione dell’obbligo di distanziamento personale. La Società è in costante dialogo con tutti i vettori che volano sull’aeroporto per la ripartenza del traffico in condizioni di piena sicurezza.

Intanto l’assemblea della Catullo, che gestisce gli Aeroporti di Villafranca di Verona e Brescia, ha approvato il Bilancio d’Esercizio al 31 dicembre 2019, che segna il record del traffico passeggeri della storia della Società. Il bilancio d’esercizio 2019 registra quindi valori in significativa crescita rispetto al 2018.
L’aeroporto di Villafranca di Verona nel 2019 ha gestito 3.638.088 di passeggeri, registrando un incremento del + 5,2%, superiore alla media nazionale che è stata del +4%.

L’offerta posti è aumentata del 3,6% rispetto al 2018 e il load factor è stato pari al 77%, in incremento di un punto sul 2018.
Il 2019 ha confermato la spiccata vocazione internazionale dello scalo, con 2,3 milioni di passeggeri che hanno volato da e per destinazioni internazionali, in crescita del 3% rispetto all’anno precedente. La componente nazionale, con 1,3 milioni di passeggeri, è cresciuta del 10%.

L C

Fpnti: http://www.targetnotizie.it/articolo.php?id=7425

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui