Ordinanza 101 a Verona: maggiori controlli per assembramenti, gestione vie del centro storico e mercati

Nella città scaligera di Verona, il sindaco Federico Sboarina, insieme all’assessore alla Sicurezza Daniele Polato, ha presentato la sua ultima ordinanza, la numero 101, che prevede i nuovi divieti, in vigore a partire dallo scoccare della mezzanotte tra venerdì 23 e sabato 24 ottobre, perarginare il contagio da Covid-19 Sars-CoV-2 nel territorio della città.
La colonna portante del nuovo provvedimento riguarda fondamentalmente tre differenti settori: il tema degli assembramenti, una particolare attenzione nella gestione delle vie del centro storico più sensibili (da via Mazzini, corso Porta Borsari o via Cappello), in conclusione la gestione dei mercati e dei centri commerciali.
In prospettiva al primo punto, l’ultima ordinanza emanata divide per “aree” della città tre diverse tipologie di divieto: la prima tipologia di divieto riguarda le “aree interdette ai pedoni” nelle quali l’accesso non è pertanto consentito; la seconda tipologia è un “divieto di stazionamento” in alcune zone dove si potrà in ogni caso transitare per raggiungere il proprio domicilio o anche delle attività commerciali regolarmente aperte; in conclusione il terzo caso consiste nel divieto di utilizzo delle panchine in alcune specifiche zone della città. In ogni caso, le multe previste per chi non rispetta le regole sono quelle stabilite nella misura dal Dpcm, vale a dire da 400 fino a 1.000 euro.
Più on particolare riportiamo di seguito il contenuto dell’ordinanza 101 firmata dal sindaco Sboarina ed in vigore dalle ore 24 di venerdì fino al prossimo 13 novembre 2020:
1. Aree interdette all’accesso ai pedoni
a. GIARDINI DI RIVA SAN LORENZO: tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 6;
b. PARCO GIOCHI VIA CESARE ABBA: tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 6;
c. PIAZZA CASTELVECCHIO: tutti i giorni h/24, eccetto diretti ai numeri civici della medesima piazza e in attesa fermata autobus;
2. Aree in cui vige il divieto di stazionamento per i pedoni, con eccezione di attività istituzionali, organizzate e motivate
a. PIAZZA BRA – SCALINATA PALAZZO GRAN GUARDIA: tutti i giorni, h/24;
b. PIAZZA BRA, PIAZZETTA MUNICIPIO E VIA DEGLI ALPINI – SCALINATE PALAZZO BARBIERI: tutti i giorni, h/24;
c. AMBITO ZONA EX ARSENALE: GIARDINI SANDRO PERTINI, PIAZZA SACCO E VANZETTI COMPRENSIVO VASCA: Tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 6;
d. PIAZZA SAN NICOLO’ – AREA ANTISTANTE CHIESA: tutti i giorni dalle ore 16 alle ore 6, con eccezione per coloro che si recano in Chiesa;
e. PIAZZA PASQUE VERONESI: divieto di stazionamento per i pedoni, tutti i giorni h/24;
f. ALZAIE FIUME ADIGE: tutti i giorni, h/24;
g. GIARDINI VIA VOLTURNO: tutti i giorni, dalle ore 16 alle ore 6;
h. AREA PARCHEGGI VIA BASSETTI: tutti i giorni h/24;
i. PIAZZA DEL POPOLO: tutti i giorni, dalle ore 18 alle ore 6.
3. Aree in cui vige il divieto di utilizzo di panchine
a. PIAZZA LIBERO VINCO: dal lunedì al sabato, h/24;
b. PIAZZA CITTADELLA: tutti i giorni, dalle ore 16 alle ore 6;
c. PIAZZA PRADAVAL: tutti i giorni dalle 18 alle 06.
Possibilità di senso unico pedonale nelle vie del centro
Più specificatamente per le vie del centro storico più sensibili, come via Mazzini, via Cappello, Portoni Borsari, via Stella, il sindaco di Verona ha annunciato che in caso di necessità verranno presi provvedimenti che impongano il senso unico pedonale, qualora si verifichino flussi indiscriminati di persone, tipo durante il weekend.
In ottemperanza ai mercati rionali, tutti nessuno escluso, sarà prevista la limitazione di ogni singolo banco, oltre che obbligatoria la sanificazione per chi accede e dovrà nei prossimi giorni essere stabilito un numero massimo di persone che potranno stazionare davanti al banco. Resta confermato il divieto assoluto di vendita di merce usata.
Per quanto riguarda i due mercati rionali più ampi, vale a dire quello allo Stadio ed il mercato di Borgo Venezia, il sindaco Federico Sboarina ha spiegato che sono previste ulteriori misure speciali. In particolare per il mercato allo Stadio saranno già sabato presenti 10 steward che verificheranno il rispetto delle norme ed in particolare il distanziamento interpersonale, così come anche al mercato di Borgo Venezia saranno operativi 7 steward che svolgeranno le medesime funzioni.
Invece per quel che concerne i centri commerciali, il sindaco ha annunciato che saranno effettuati già a partire da questo weekend dei controlli molto serrati per verificare che non si formino assembramenti. Oltre a questo, il primo cittadino veronese ha affermato di aver già inviato la diffida all’unico centro commerciale presente nel territorio comunale, affinché vengano rispettati i protocolli di sicurezza, sia predisposta la canalizzazione dei flussi d’ingresso delle persone, il contingentamento delle presenze ed il distanziamento sociale.
Sono stati annunciati dal sindaco Sboarina e dall’assessore Polato maggiori controlli e sanzioni anche in ottemperanza al rispetto delle norme già previste dal Dpcm in tema di bar e ristoranti. Oltre al divieto di consumare in piedi a partire dalle ore 18 di ogni giorno, il Dpcm in vigore prevede anche l’obbligo per gli esercenti di tendere visibile un cartello che indichi la capienza massima consentita all’interno del locale sulla base delle linee guida, oltre al fatto che seduti al tavolo non possano starvi più di sei persone insieme. Resta invece permessa la possibilità di ritiro degli alimenti e delle bevande d’asporto con successivo consumo a casa fino alle ore 24, così come anche per l’attività di consegna a domicilio sempre nel rispetto dei protocolli vigenti.

L C

Fonti: https://www.veronasera.it/cronaca/virus-ordinanza-covid-sboarina-verona-sindaco-23-ottobre-2020.html

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui