Xenia Palazzo, meravigliosa atleta, sostiene la campagna donazione sangue

Erano presenti oltre Roberto Simeoni, Consigliere provinciale, il Presidente Provinciale ASFA Flavio Bertaiola e il Protavoce regionale ANAS Dr. Francesco Bitto.

Venerdì 11 ottobre, nella Sala Rossa dei Palazzi Scaligeri a Verona,  eravamo presenti all’annuncio della campagna “Libera la mente e il cuore, vinci ogni ostacolo”, promossa da Asfa, Associazione Donatori di Sangue San Francesco d’Assisi, e da Il Sorriso di Mavi Onlus.

La campagna vuole promuovere l’impegno sociale della donazione di sangue tramite il modello positivo di una campionessa olimpionica fuori dagli schemi tradizionali. L’iniziativa non vuole far leva sugli aspetti legati al successo e alla notorietà dell’atleta, ma sui valori umani e sportivi, come la determinazione e la perseveranza. Si crea un legame tra sport, solidarietà e donazione di sangue, per sfatare o aiutare a superare le apparenti difficoltà che molti di noi devono affrontare per approcciarci all’idea di donare il sangue: la paura dell’ago, il doversi recare in ospedale, lo stile di vita, il tempo che manca. Sono ostacoli piccoli in realtà, e la storia di Xenia ci fa riconsiderare i concetti di “difficile” o “impossibile”. Se si pensa al grande obiettivo finale, ci si accorge che tutte queste paure sono immotivate e facilmente risolvibili. Ognuno di noi può diventare donatore di sangue, superando dubbi e paure.

Xenia è una grande campionessa paraolimpica. È riuscita ad eccellere a livello mondiale nella propria disciplina, ha affrontato e superato ostacoli molto seri e concreti. Ha scelto di fare da testimonial per dimostrarci che non esistono paure che possano diventare ostacoli, e col suo sorriso sempre presente sul viso, ha accettato di farsi “accompagnare” da questa iniziativa sino all’appuntamento delle Para-olimpiadi di Tokyo 2020.  La sua storia, raccontata in questo video, fa comprendere appieno, cosa significhi lottare con grinta e serenità. https://www.youtube.com/watch?v=m1Tm4mUHW5Y

Centrale è l’idea di “dono cicolare”: realtà diverse che mettono insieme le proprie risorse per promuovere un obiettivo sociale partendo da visioni differenti e complementari. La campagna è rivolta a tutti ma riserva un’attenzione particolare ai giovani under 30 grazie alla creazione di eventi ed incontri a loro dedicati. La scommessa è che solo proponendo sfide impegnative, si possono mettere in luce le risorse positive che molti giovani hanno, ma che spesso non sono motivati ad usare da proposte poco stimolanti.

Sono intervenuti ed erano presenti: Roberto Simeoni, Consigliere provinciale, Xenia Palazzo, atleta paralimpica; Flavio Bertaiola, presidente di Asfa; Matteo Mazzucco, presidente di Sorriso di Mavi Onlus e Antonio Roccolano, art director, Francesco Bitto portavoce regionale di ANAS Veneto, Maurizio Simonato assessore Comune di San Giovanni Lupatoto.

Il Dott. Giorgio Gandini, Direttore UOC Medicina Trasfusionale del Dipartimento Interaziendale di Medicina Trasfusionale, Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona, non essendo potuto essere presente, ha inviato un messaggio che è stato letto all’assemblea: “Ringrazio l”ASFA per questa iniziativa: promuovere il dono del sangue è sempre un’azione di grande rilevanza sociale, civile e umana. In questo caso, il legare la donazione del sangue all’idea di sport significa associare il dono alla salute, salute del corpo e salute dello spirito. E l’aver scelto una campionessa paralimpica come testimonial della campagna promozionale  assume un ulteriore e forte significato, che è ben sottolineato nelle motivazioni della vostra campagna: non si cercano eroi, ma persone che vivano in pienezza la loro vita, con determinazione, perseveranza e capacità di decidere,cioè di fare  le scelte importanti con consapevolezza e sguardo sul futuro. Auguro quindi a tutta l’ASFA che la vostra manifestazione abbia successo e che la campagna promozionale contribuisca ad allargare e consolidare nella cittadinanza il senso della solidarietà e della partecipazione.”

L’iniziativa è patrocinata da Provincia di Verona, Regione Veneto, Comune di Verona, Azienda ospedaliera integrata universitaria Verona, Associazione nazionale di azione sociale, Comune di Villafranca, Comune di Povegliano, Comune di Oppeano, Comune di San Giovanni Lupatoto, Comune di Isola della Scala, Comune di Bonavigo e Comune di Nogarole Rocca.

Chi sono e cosa fanno:

ASFA – Associazione Donatori di Sangue San Francesco d’Assisi – è una delle associazioni di donatori di sangue che operano a Verona. E’ a carattere provinciale e conta 650 donatori attivi in tutta la provincia. L’associazione è nata negli anni ’70. ASFA, insieme alle attività di promozione del dono del sangue presso le sezioni tradizionali, collabora in maniera specifica con le varie realtà di volontariato di Verona e Provincia. La proposta al servizio come donatore di sangue viene svolta valorizzando e sostenendo le specificità di chi già si occupa a vario titolo di volontariato. ASFA sostiene il valore fondamentale del ‘dono circolare’: quando più associazioni lavorano insieme valorizzano reciprocamente i propri messaggi il risultato finale è molto più grande della somma delle singole parti. Chi gia è volontario e sensibile a ‘donare’ tempo e capacità personali in altri ambiti coglie l’importanza della donazione di sangue. Un servizio fondamentale ma che richiede meno tempo di altre forme di volontariato. Inoltre ASFA prevede la possibilità, per i propri donatori, di convertire il valore economico delle benemerenze per i traguardi di donazione sostenendo un progetto specifico di volontariato. Moltiplicando ancora di più il valore del dono. ASFA è un associazione su base strettamente provinciale che opera esclusivamente a Verona e per Verona. Proponiamo un rapporto diretto con i nostri donatori, con pochissimi livelli di intermediazione tra il singolo donatore e l’organo direttivo. Bilanci e finalità sono trasparenti, decisi direttamente nel nostro territorio e orientati alla promozione del dono del sangue tramite la valorizzazione e collaborazione con il ricchissimo mondo del volontariato della provincia di Verona. (http://www.asfaverona.it)

IL SORRISO DI MAVI ONLUS

Siamo un gruppo di giovani, amici e compagni di Maria Vittoria Marcolini, legati da un forte spirito di solidarietà verso il prossimo, intensificatosi dopo il tragico evento con il quale ‘Mavi’ ci ha prematuramente lasciato. Maria Vittoria, studentessa ed atleta diciottenne veronese, è improvvisamente deceduta in un incidente stradale il 22 dicembre 2015 ma, nonostante l’orologio della Sua Vita si sia fermato troppo in fretta, i suoi ideali saranno sempre trasmessi e mantenuti vivi. L’identità dell’Associazione si è formata, pertanto, ispirandosi alle virtù che ‘Mavi’ ci ha saputo donare: il suo Sorriso, la sua determinazione, la sua positività anche nelle situazione difficili. L’Associazione Il Sorriso di Mavi ONLUS, grazie anche alla sensibilità e condivisione della famiglia Marcolini, è stata costituita l’8 marzo 2016 e presentata ufficialmente il 6 maggio 2016 presso l’Istituto Seghetti di Verona (Istituto frequentato da Maria Vittoria) dove, nell’occasione, è stato anche presentato il primo progetto dal titolo S-LANCIO SENZA OSTACOLI. La nostra Vision è “Donare un futuro da protagonista alle deboli bellezze giovanili” ed inoltre “Vogliamo CREARE VALORE per considerare la PERSONA come RICCHEZZA e non come mezzo”. Il Sorriso di Mavi ONLUS rivolge la propria attività nel settore della beneficenza e della tutela dei diritti civili al fine di promuovere l’inclusione sociale dei giovani con disabilità od altre difficoltà di carattere socio-economico. La Mission dell’Associazione è di: favorire l’aggregazione dei giovani bisognosi nelle attività di studio, ricreative, artistiche e sportive; sostenere ed essere prossimi alle situazione di disagio sociale attraverso la raccolta fondi; accrescere la sensibilizzazione organizzando iniziative, incontri, manifestazioni culturali e sportive; contribuire a creare sul territorio locale un’organizzazione di rete per una maggiore coesione operativa; coinvolgere la comunità locale sensibilizzando in particolare i giovani per creare partecipazione attiva insieme ai coetanei con disabilità od altre difficoltà socio-economiche. (https://www.facebook.com/ilsorrisodimavionlus/)

PRESENTAZIONE XENIA PALAZZO

Xenia si racconta: “Alla nascita ho avuto una vasta emorragia celebrale a causa di una CID (coagulazione intravasale disseminata) che mi ha causato l’incompatibilità con al vita. Mia mamma mi ha portato a tre mesi a fare terapia in piscina. Prima c’erano solo i silenzi e poi man mano si è accesa una scintilla. Da lì è partito tutto”. Così Xenia Francesca Palazzo, nuotatrice paralimpica, ha raccontato la sua storia di vita e sport al programma ‘Buone notizie’, condotto da Cesare Cavoni, in onda su Tv2000. Xenia nasce a Palermo il 29 aprile 1998. Vive a Verona e gareggia con Verona Swimming Team. Atleta con disabilità fisica, classe s8, che le causa difficoltà nella deambulazione, ha fatto il suo esordio in una gara ufficiale nel 2012. Si è diplomata all’Istituto Marco Polo di Verona; nel tempo libero le piace ascoltare la musica e leggere libri. A Rio 2016 ha esordito in una paralimpiade, conquistando due finali con un 6 e 8 posto nei 200 stile e 100 dorso. Nell’estate del 2018 ai campionati europei di Dublino, ha conquistato due titoli europei nei 200 misti e 400 stile e due argenti nei 50 e 100 stile. Ai mondiali di Londra 2019 ha conquistato l‘argento ai 400 stile libero. “E’ stata proprio mia mamma – ha proseguito Xenia – a volermi far fare nuoto agonistico perché vedeva i miei miglioramenti costanti. Da una semplice terapia è diventato un amore per uno sport che pratico ancora adesso”. “Con l’amore dei miei genitori, sono qua – ha aggiunto Xenia – cammino, parlo, sogno in grande cercando di non pormi limiti, e poi spero di partecipare ai prossimi mondiali paralimpici del 2019. Sostenetemi, seguitemi, fate il tifo non solo per me ma anche per gli altri ragazzi. Gli atleti paralimpici sono sempre con il sorriso. Siamo come una grande famiglia e nonostante le tante difficoltà, siamo sempre felici, positivi, facciamo del nostro meglio e ci divertiamo tantissimo! La strada per i Giochi olimpici di Tokyo 2020 è ancora lunga, però è già alle porte. (http://www.xeniapalazzo.it)

DURATA CAMPAGNA : Da Ottobre 2019 fino alle Para-Olimpiadi di Tokio 2020 (25 Agosto – 6 Settembre) ; Presentazione dell’atleta e della campagna attraverso: Sito intenernet http://www.xeniapalazzo.it ; Pagine Facebook Xenia Francesca Palazzo nuotatrice paralimpica : https://www.facebook.com/XeniaFrancescaPalazzo1998/

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui