Verona, “Zone 30” a garanzia degli utenti della strada.

“Come è avvenuto in tutte le città di medio-grandi dimensioni , ha sottolineato il sindaco , anche a Verona l’aumento del veicoli privati oggi in circolazione ha ormai raggiunto gli stessi livelli di prima della chiusura. Una situazione insostenibile, se si considera che una effettiva ripresa ancora non c’è stata e che le scuole, come molte attività commerciali, non hanno ancora riaperto. Prevedere ed incentivare una diversa mobilità è una delle strade percorribili, per evitare che si verifichino criticità insostenibili di traffico quando saremo tornati alla normalità. Il rischio è stare fermi in coda, altro che andare a 30 chilometri”.

“La nuova Zona 30 , ha ricordato l’assessore Zanotto , non riguarda tutta la città, ma i quartieri San Zeno, Cittadella, Veronetta, Santo Stefano e Città Antica, nonché la parte di Borgo Trento compresa tra l’ansa dell’Adige a sud e via Farinata degli Uberti e via dei Mille a nord. Bisogna comprendere che, se da una parte la bici non rappresenta una novità nel mondo dei veicoli, dall’altra è sicuramente tra quelli meno usati. Da qui la necessità di incentivarla maggiormente, istituendo il limite dei 30 km all’ora in un’area più allargata della città. Ridurre la velocità in ambito urbano è l’unica misura in grado di far diminuire in maniera consistente il numero di incidenti stradali con morti e feriti. Una misura, senza controindicazioni, che tutela sia gli utenti vulnerabili – pedoni e ciclisti – sia chi usa i veicoli a motore. I dati dimostrano che se un’automobile investe un pedone alla velocità di 50 km/h, l’impatto generato con il veicolo sarà equivalente a una caduta dal terzo piano di un palazzo, mentre uno scontro tra un’auto e un pedone alla velocità di 30 km/h è l’equivalente di una caduta dal primo piano di un palazzo. Puntiamo ad aumentare la percentuale di ciclabili nella nostra città, oggi ferma intorno al 10%, ma che in altri paesi del nord Europa è intorno al 30%”.

“E’ sempre più importante imparare a muoversi con sistemi diversi dall’ auto , ha precisato il presidente Fiab Verona Marastoni . Per farlo, però, servono misure in grado di accrescere la sicurezza stradale e, in particolare, l’attenzione nei confronti di chi sceglie di spostarsi in bicicletta. L’ampliamento della Zona 30 va proprio in questa direzione, perché ponendo limiti alla velocità, incoraggia gli spostamenti cosiddetti ‘dolci’, alternativi all’auto privata ma anche ai mezzi pubblici. Con i nuovi incentivi statali, riconosciuti con il Decreto rilancio, anche a Verona c’è stato un assalto all’acquisto di biciclette. Un trend positivo da sostenere anche sul fronte dell’utilizzo, con l’avvio di soluzioni che avvantaggino lo spostamento in sicurezza del ciclista. Tra queste, potranno essere presto impiegate le ‘fasce di rispetto per biciclette’, introdotte anch’esse dal Decreto rilancio come alternativa alle più conosciute piste ciclabile, le uniche attualmente regolate dal Codice della strada. Le ‘fasce di rispetto’, meno strutturate e di più facile attuazione, possono essere facilmente realizzate e diventare, in molte strade cittadine, un’ottima soluzione per garantire il rispetto, la sicurezza e la mobilità delle bici”.

G R

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui