La ricerca di metodologie di Didattica Digitale Integrata, conducono ad una modalità nuova di insegnamento.

La ricerca di metodologie di Didattica Digitale Integrata, conducono ad una modalità nuova di insegnamento.

 La scuola, travolta dall’emergenza Covid-19, si è trovata costretta a dover ridisegnare un nuovo modello di didattica, fatta di pc, tablet, wifi e reti virtuali. Alcune scuole erano già pronte, altre più indietro, ma tutte con la consueta determinazione e nell’intento di accompagnare i giovani anche in questa difficile situazione, hanno reagito.
Il perdurare dell’emergenza e la presa di coscienza della nuova funzione proattiva assunta dalle tecnologie congiunta alla ricerca di nuove metodologie anche in una prospettiva di Didattica Digitale Integrata, conducono ad un ripensamento complessivo delle modalità di insegnamento/apprendimento.
In questo contesto emerge la necessità di rendere sistematiche e strutturali le innovazioni didattiche introdotte nel periodo di lockdown. Per questo un gruppo di esperti veronesi afferenti alla Rete di Cittadinanza e Costituzione coordinata dalla dottoressa Anna Lisa Tiberio e dal prof. Giuseppe Venturini  con la supervisione della dott.ssa Giuliana Guadagnini e del dott. Filippo Pompei stanno realizzando una serie di incontri on line per dare risposte adeguate a tutte le istanze che provengono dal mondo scuola anche con l’aiuto del mondo universitario italiano.
Tutto nasce da una serie di seminari voluti a cui ha partecipato attivamente David Di Michele in rappresentanza della Provincia di Verona.
  L’apprendimento attivo con l’aiuto delle nuove tecnologie deve essere visto come potenzialità formativa e il modo di comunicare deve diventare incisivo da un punto di vista dei valori.
 Il mondo scuola risponde con professionalità e competenza. Ora bisogna anche pensare a come questa nuova modalità entra nei processi cognitivi  e quali e quanti riflessi ci possono essere a livello relazionale. Buone prassi stanno emergendo per far si che una Rete sia nelle Reti e costruisca Reti relazionali. La rete nelle reti per la Rete. Al centro sempre la persona e il suo mondo carico di emozioni che vanno rispettate e protette.
G.R.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui