Dalla Fondazione Forti, 800 mila euro a favore di anziani e bisognosi.

Il lascito Achille Forti, dopo quasi un secolo, continua ad aiutare anziani e bisognosi veronesi. Nel 2019, il patrimonio che conta 1842 unità immobiliari, gestite da Agec, ha generato per il Comune una rendita di 609 mila euro. Alla quale si aggiungono 178 mila euro derivanti dalla gestione dei beni della Fondazione Forti. E la commissione vigilante, come disposto dal benefattore nel suo testamento, anche quest’anno ha destinato tutto il ricavato al sostegno degli anziani che necessitano di accedere a strutture residenziali, delle famiglie e degli adulti in difficoltà economica e a supporto del turismo sociale.

Una somma di 787 mila euro che entra nelle casse dei Servizi sociali del Comune e che consente di garantire importanti servizi per i più bisognosi.

Nel dettaglio il lascito, che risale al 1937 anno di morte di Achille Forti, è composto da 922 appartamenti, 564 box, 336 posti auto, 2 magazzini, 8 negozi, 2 uffici e 8 fabbricati di altra natura.

Le rendite del 2019 sono state così ripartite: 364 mila euro sono stati destinati al sostegno permanente e temporaneo in strutture residenziali di anziani e disabili in condizioni di povertà; 240 mila per contributi straordinari ad anziani e famiglie in condizioni di indigenza; 5 mila euro per soggiorni climatici per anziani non autosufficienti. I 178 mila euro ricavati dalla Fondazione Forti sono stati destinati, invece, alle vacanze per famiglie con minori.

L’anno scorso con i proventi del lascito Forti 53 anziani hanno ricevuto un sostegno in ambito socio-sanitario, 767 persone hanno avuto sussidi straordinari e, infine, 5 over 65 non autosufficienti hanno beneficiato dei soggiorni climatici.

Per quanto riguarda il turismo sociale, invece, sempre lo scorso anno, sono state 379 le famiglie, 14 i gruppi e 831 i minori che hanno usufruito delle vacanze organizzate dal Comune, per un totale di 1.663 persone. Sono stati 90 i nuclei familiari, tra cui 150 minori, che hanno aderito alle gite di un giorno. E 100 le persone che hanno partecipato al capodanno per famiglie a Lignano Sabbiadoro. Attività, queste ultime, aperte a tutti con quote di partecipazione che variano a seconda dell’Isee.

I dati sono stati illustrati a Palazzo Barbieri dall’assessore al Bilancio, insieme all’avvocato Donatella Barbazeni e all’architetto Federico Mistè componenti della commissione vigilante.

“Vogliamo ringraziare idealmente il benefattore Achille Forti che, con il suo lascito, ci permette di portare avanti servizi importanti a sostegno delle fasce più deboli – ha detto l’assessore -. È giusto che si sappia che nel 1937 questo nostro concittadino lasciò tutto il suo patrimonio in dote al Comune affinchè venissero aiutati i bisognosi di Verona e che, oggi, questa volontà viene rispettata e genera risorse importanti che vengono utilizzate proprio per questo scopo”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui