Raccolta fondi per la ricerca: Telethon, Uildm e Avis in piazza.

La campagna di raccolta fondi a favore della ricerca scientifica sulle malattie genetiche rare coinvolgerà Verona, la sua provincia e 3 mila piazze di tutta Italia, durante i prossimi due week end.
In concomitanza con la maratona televisiva, l’Unione italiana lotta alla distrofia muscolare, Fondazione Telethon e molte associazioni del territorio hanno organizzato una serie di eventi in piazza Erbe e piazza Bra.

La campagna raccolta fondi 2019 si intitola “Presente” e, come tradizione, propone i “cuori di cioccolato” che i volontari Telethon, Uildm e Avis consegneranno per ringraziare per la donazione minima di 12 euro.

Saranno gli studenti dell’istituto Aleardo Aleardi che, insieme ad altri volontari, distribuiranno in piazza Erbe materiale divulgativo sulle attività di ricerca e sui progetti Telethon.

Domenica 15 dicembre, invece , saranno decine i volontari veronesi, appartenenti a molte realtà del territorio (Protezione civile, Polizia, Carabinieri, Polizia locale, Croce rossa, Vigili del fuoco), ad animare piazza Bra per sensibilizzare alla raccolta fondi.

Sarà possibile fare una donazione anche nelle farmacie comunali Agec. Alle 20.45, il Coro lirico San Giovanni sarà protagonista del concerto alla chiesa dei Filippini, mentre vari gruppi Avis saranno presenti nei Comuni veronesi.

La presentazione della campagna di raccolta fondi è stata fatta, a palazzo Barbieri, dal sindaco Federico Sboarina, dalla fondatrice di Telethon Italia Lina Marazzi Chiaffoni, dal prefetto Donato Giovanni Cafagna, dal presidente di Uildm Verona Davide Tamellini.

Presenti , anche, il presidente di Amia Bruno Tacchella, di Agec Roberto Niccolai, il coordinatore provinciale di Telethon Giannantonio Bresciani, il delegato Telethon Uildm Verona Gennaro Stammati e i rappresentanti delle molte realtà che collaborano al progetto.

“Verona è una capitale del volontariato, della solidarietà e dell’accoglienza – ha detto il sindaco Sboarina . Il Comune è e sarà sempre la casa di Telethon che è il principio di questa straordinaria maratona. Da questa sala, parte un appello ai veronesi perché mostrino, ancora una volta con i fatti la loro grande generosità”.

“Grazie all’impegno dei molti volontari – ha detto il prefetto Cafagna – Telethon è diventata una delle principali agenzie di finanziamento della ricerca in un campo così delicato e importante come sono le malattie genetiche rare”.

La Fondatrice di Telethon Lina Marazzi ha ricordato come Verona sia profondamente legata alla Fondazione. Lei, veronese di adozione, andò a Parigi per capire come era nato Telethon in Francia e, poi, importò il modello in Italia aiutata da Susanna Agnelli. Nella nostra città hanno lavorato molti ricercatori anche grazie alla presenza del centro ricerche Glaxo. “A permetterci di pagare gli artisti che realizzarono la prima edizione della maratona – ha ricordato Marazzi – fu l’imprenditore veronese Teofilo Sanson. Grazie a contatti con il Ministero della Sanità riuscimmo a mettere insieme un primo gruppo di ricercatori e, da allora, il progetto è sempre cresciuto e quest’anno festeggiamo i 30 anni di quel primo evento”. “I risultati ci sono – ha detto il presidente Tamellini – e ci danno la voglia di non mollare”.

Negli anni Telethon ha sostenuto migliaia di progetti di ricerca e ha finanziato progetti di cura come :

la distrofia muscolare (indebolimento dei muscoli con riduzione delle capacità motorie)

la malattia di Stargardt (degenerazione della macula in giovane età )

la patologia che colpisce i bambini-bolla (annullamento difese immunitarie nei bambini).

La maratona Telethon proseguirà il prossimo fine settimana con molte iniziative in provincia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui