L’università di Verona promuove lo “Smart pet working…in office”.

Home Office Concept, Young female freelancer working remotely from home sitting with her shiba inu dog on arms using laptop computer and stylus drawing sketches on touchpad for graphic designers

La presenza di animali domestici in ufficio aumenta il benessere e la serenità dei dipendenti. Infatti, dalle ricerche e dagli studi effettuati si evince che la presenza degli animali in ufficio favorisce il benessere, riduce lo stress, aumenta il livello di attività fisica, la produttività e la serenità dei dipendenti.

Ecco, perchè l’università di Verona, promuove l’ iniziativa “Smart pet working…in office”.

“Avere accanto il proprio pet sembra che migliori notevolmente la performance lavorativa perché rende l’atmosfera più rilassata, stimola la creatività e agevola l’interazione tra i colleghi, afferma il Magnifico Rettore Pier Francesco Nocini, e avendo molto a cuore il benessere dei dipendenti del nostro ateneo, abbiamo ritenuto di portare avanti e accelerare questa iniziativa, anche per cercare di rendere più agevole il rientro post lockdown, per quanti si trovano a gestire un distacco brusco con il proprio pet.  Pur considerando i vantaggi, va anche detto che per portare animali in ufficio ci si dovrà attenere ad un codice di condotta che comporti il rispetto di alcune importanti regole di convivenza con i colleghi e di tutela del benessere dell’animale stesso”.

I pet che potranno essere ammessi negli uffici di ateneo saranno cani di piccola o media taglia e gatti, tenendo conto dell’indole di ciascun animale, mentre per i cani di taglia grande sarà necessaria una valutazione comportamentale. Per altri tipi di amici a quattro zampe, si valuterà caso per caso.

Le proprietarie e i proprietari dovranno rispettare il regolamento di ateneo e garantire per i propri animali alcuni requisiti fondamentali per l’accesso al luogo di lavoro, per evitare che arrechino disturbo ai colleghi e allo svolgimento delle proprie e altrui mansioni, come il microchip, il libretto sanitario e lo stato di salute, oltre ad essere responsabili del comportamento, del benessere, dell’igiene e della felicità dei loro pet durante tutta la permanenza dell’animale all’interno dell’ateneo.

Inoltre, gli ospiti a quattro zampe non potranno muoversi liberamente negli spazi universitari o nelle pet­free zone e dovranno disporre di tutti gli accorgimenti utili a farli sentire a proprio agio in un ambiente chiuso, diverso da quello domestico.

Il corpo docente e il personale tecnico, amministrativo e bibliotecario potranno portare i propri animali domestici nel contesto dei propri uffici previa approvazione da parte dei responsabili e dei colleghi, qualora condividano l’ufficio con altri.

L’accesso con i propri animali non sarà consentito in aule didattiche, sale conferenze e riunioni, spazi mensa, aree destinate al coffee break, sale studio, laboratori e sedi sanitarie o strutture assimilabili, e  uffici che prevedano contatto diretto e continuativo con il pubblico.

L’ateneo scaligero sarà quindi fra i primi enti pubblici italiani a dare questa possibilità ai dipendenti, pur nel rispetto del regolamento interno, per favorire il benessere e la serenità sul luogo di lavoro, aumentando, nel contempo, la qualità della propria performance professionale.

GR

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui