Nelle scuole di Villafranca un’ora di didattica in ricordo di Giuseppe Di Matteo.

Nelle scuole di Villafranca un’ora di didattica in ricordo di Giuseppe Di Matteo il bambino ucciso dalla mafia.

Sono passati venticinque anni da quel giorno in cui i “Carnefici ” di  “Cosa Loro ” hanno ucciso e sciolto nell’acido il piccolo Giuseppe di Matteo, figlio di Santino mafioso e poi  pentito che si e’ visto strappare il “suo piccolo ” Giuseppe quale prezzo per non aver ritrattato quanto dichiarato.

Il Parlamento della Legalità internazionale, anche in tempi di didattica a distanza ha proposto una singolare iniziativa che coinvolge tutte le scuole del nostro Paese: Un’Ora di lezione dedicata alla memoria di Giuseppe, una sosta e una riflessione da vivere lunedì 11 Gennaio proprio nel giorno in cui in un casolare abbandonato e ben protetto dagli uomini del “disonore ” in piccolo veniva ucciso e gettato nell’acido.

A nulla è valso il suo appello implorante “Non mi fate del male “.

Da anni il Parlamento della Legalità Internazionale organizza l’evento “Un Fiore per Giuseppe “ e proprio con la mamma Franca Castellese e’ stato posato un angelo rivestito di porcellana donato da un liceo di Bronte che raffigura un bambino con un giglio in mano. ” Gia’ la troupe di rai 1 , facente parte della  trasmissione “A Sua Immagine ” ha svolto un servizio per tenere alta l’attenzione su quanto avvenuto alle porte di San Giuseppe Jato e  per mani di un cittadino di questo paese con tanti affiliati al suo comando.

Sono stati i bambini, gli adolescenti e i giovani della Sicilia  a voler portare un fiore, un messaggio scritto, un angelo realizzato tra i banchi di scuola, da posare sul pozzo, nella brandina dove il piccolo corpicino di Giuseppe ha trovato la morte.

“Non abbiamo mai avuto paura- dice Nicolò Mannino- Presidente del Parlamento della Legalita’ e promotore dell’iniziativa “Un Fiore per  Giuseppe “– di percorrere una strada piena di fango e di tante pozzanghere d’acqua. Assolutamente No. siamo arrivati in quel luogo con tanta commozione e tanta rabbia dentro il cuore poichè è diabolico e disumano tenere sotto sequestro un bambino 779 giorno e poi gettarlo un  barile di acido. Volete far tacere le parole e far comprendere l’atrocità della mafia. portate i vostri studenti al “Giardino della Memoria ” e li comprenderanno come la logica e il codice mafioso vanno depennati dal vivere civile “.

Lunedì 11 Gennaio 2021 sul luogo dell’eccidio ci sono state diverse autorità della valle dello jato e non solo ma e’ auspicabile che in tutte le scuole si dedichi un’ora di raccoglimento, di riflessione per non dimenticare il piccolo Giuseppe .

Se da questa iniziativa scaturiscono degli elaborati si possono spedire alla sede di presidenza del Parlamento della Legalità Internazionale che provvederà a inserirle nel prossimo libro che sta prendendo corpo che ha come titolo “Non li tradite, sono innocenti ” curato da Nicolo’ Mannino e  Salvatore Sardisco, dove già è inserita  una bella testimonianza della Dirigente Scolastica di Giuseppe Di Matteo, la professoressa Irene Iannello che ha conosciuto e avuto il piccolo Giuseppe Di Matteo proprio tra i banchi di scuola dell ‘Istituto Comprensivo di Altofonte.

L’iniziativa accolta dall’Assessore Anna Lisa Tiberio del Comune di Villafranca di Verona proseguirà per tutto l’anno scolastico per sensibilizzare le nuove generazioni ai temi dell’antimafia.

G R

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui