“Ri-ciak- cinema di comunità”: nuova vita alla sala cinematografica di Veronetta.

“Ri-ciak- cinema di comunità”: nuova vita alla sala cinematografica di Veronetta.

Il progetto “Ri-ciak- cinema di comunità” è nato per dare nuova vita al cinema Ciak, sala cinematografica del quartiere di Veronetta chiusa ormai da 10 anni. Lo scopo è quello di renderla un luogo di promozione della cultura e di socialità.

 L’ateneo di Verona ha firmato con l’associazione ViveVisioni, promotrice del recupero dell’ex sala cinematografica, un accordo quadro della durata di 3 anni per sviluppare tutte le potenzialità di valorizzazione del patrimonio culturale e di rigenerazione del contesto urbano in cui è inserita.

Primo atto, frutto della convenzione, sarà l’organizzazione di una serie di incontri online, dal titolo “Cinema e città”, in programma nei mesi di aprile e maggio.

Il ciclo è stato presentato giovedì 22 aprile, nel corso della conferenza stampa cui hanno partecipato Riccardo Panattoni, direttore del dipartimento di Scienze umane e referente del progetto per l’ateneo di Verona, Franca Maria Rizzi, presidente di ViveVisioni e Massimo Rimpici, consigliere di ViveVisioni.

Il primo incontro in programma ci sarà martedì 27 aprile, dalle 18.30 alle 20.30, dal titolo “Le città di Fellini: Immagini, Paesaggi, Forme di vita” e sarà condotto da Marco Bertozzi, regista e docente di materie cinematografiche all’università Iuav di Venezia.

Il secondo appuntamento, dal titolo “Film d’Azione…in Quartiere”, si terrà invece il 25 maggio, dalle 18.30 alle 20.30, e sarà condotto dalla regista Anna Marziano, studentessa dell’ateneo veronese. Seguiranno nei mesi successivi altri incontri, sempre dedicati a come il cinema ha rappresentato gli spazi urbani.

È possibile seguire il ciclo registrandosi al link http://bit.ly/iscrizionecinemacitta

L’accordo sottoscritto con ViveVisioni, ha la finalità di promuovere e coordinare attività formative e informative. Attività rivolte alla comunità universitaria e a pubblici non accademici. Infatti, attraverso attività formative rivolte alle giovani generazioni e proposte culturali aperte alla città, intende promuovere la diffusione sempre più ampia dei saperi e la creazione di momenti essenziali di partecipazione pubblica. Per l’ateneo i referenti sono Riccardo Panattoni, direttore del dipartimento di Scienze umane, Alessandra Cordiano, docente di Diritto privato, e Olivia Guaraldo, docente di Filosofia politica e delegata del rettore per il Public engagement.

Il tutto rientra nel più ampio progetto di ateneo “Contemporanea”.

G.R.

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui