Sboarina: “Ho scritto al premier Draghi perché le nostre scuole sono sicure”

Sboarina: “Ho scritto al premier Draghi perché le nostre scuole sono sicure”

 Pur nella consapevolezza di adottare tutte le misure che servono a contenere i contagi, la scuola in presenza è fondamentale sia per i bambini sia per le loro famiglie.
Per gli alunni, perché l’istruzione, dall’asilo alle scuole secondarie di secondo grado, garantisce non solo la crescita culturale dei giovani, ma anche la loro crescita psicofisica. Per i genitori e le famiglie, messi in enorme difficoltà nel dover conciliare lavoro e didattica a distanza.
A sostegno della richiesta, Sboarina riporta l’esperienza delle scuole comunali veronesi, nidi e infanzia, dove i contagi tra alunni e insegnanti sono pressoché inesistenti. Questo anche grazie agli enormi sforzi compiuti dall’Amministrazione per garantire la sicurezza all’interno delle scuole, con l’adozione di protocolli rigidissimi per la cui attuazione sono state messe in campo importanti risorse in termini di personale oltre che finanziarie, 235 mila euro in più al mese per garantire una scuola il più sicura possibile. 
“Ho scritto al premier Draghi perché le nostre scuole sono sicure e condivido il disagio e il malcontento delle famiglie veronesi . Il momento è delicato, la lotta al virus resta la nostra priorità, tuttavia la chiusura delle scuole è una misura che crea numerosi danni, ne va non solo della salute psicologica dei nostri bimbi ma anche della tenuta delle nostre famiglie, già provate da un anno di difficoltà e restrizioni”.
G.R.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui