Coronavirus: il comune di Verona ha attivato un numero verde dedicato.

Il Comune di Verona attiva un nuovo numero verde per rispondere ai cittadini e chiarire qualsiasi dubbio sull’ emergenza Coronavirus.  Chiamando l’800 644 494 un call center adeguatamente formato è pronto a fornire tutte le informazioni relative a provvedimenti e decreti in vigore, chiarire i dubbi , per avere informazioni su eventuali variazioni e modifiche dei servizi erogati sul territorio, apertura al pubblico degli uffici comunali e per dare ogni altra notizia utile in riferimento alle misure attivate per contenere il contagio da Covid-19. Il servizio è attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.

Tale servizio di assistenza telefonica però non sostituisce quello già attivo dell’ Ulss9 a cui rivolgersi per i quesiti sanitari.

Nel caso in cui gli operatori non fossero in grado di dare una risposta immediata ai quesiti, verranno raccolte le informazioni precise e gli utenti verranno richiamati.

Pertanto si invitano i cittadini ad usufruire del numero verde, e  non chiamare l’Urp o il centralino del Comune che sono sempre intasati.

“In questa situazione, che è in continuo cambiamento , spiega il sindaco Federico Sboarina , abbiamo ritenuto opportuno attivare un numero verde per essere vicini ai veronesi, attraverso più canali possibili d’informazione. Siccome dobbiamo stare a casa, usiamo il telefono e i canali istituzionali telematici. Il nuovo servizio è creato appositamente per dare ai cittadini tutte le risposte di cui necessitano e per togliere i dubbi che legittimamente possono sorgere. È un momento difficile per tutti, i decreti ministeriali ci impongono dei sacrifici e dei limiti ai quali però ci dobbiamo attenere per la salute nostra e dell’intera comunità. Come Comune continueremo a portare avanti al meglio il nostro compito, che è quello di dare tutte le informazioni affinchè le persone possano ottemperare alle misure del governo”.

G R

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui