Verona, saranno resi più visibili i percorsi ciclo pedonali.

L’ intervento di manutenzione messo a punto dal settore Mobilità e Traffico, rimetterà a nuovo i vari percorsi ciclo pedonali cittadini e li renderà meglio visibili a tutti gli utenti della strada.Così, parte lunedì programma di manutenzioni delle piste ciclabili che porterà, nel giro di un mese, agli interventi necessari su alcuni tratti della rete ciclopedonale della città:

  • rifacimento  della segnaletica orizzontale ,
  •  riverniciate le linee di margine e mezzeria,
  • le frecce direzionali,
  • i simboli,
  •  le strisce degli attraversamenti pedonali e ciclabili.

Questi interventi rientrano tra quelli previsti nel Piano per la Mobilità di Emergenza che ha tra i suoi obiettivi quello di incrementare la ciclabilità urbana, attraverso la manutenzione straordinaria della rete ciclabile e il completamento delle piste già programmate. Il tutto per migliorare la mobilità dei cittadini, favorendo percorsi alternativi e sicuri per chi sceglie di spostarsi in bici o a piedi.

Il calendario prevede che i primi interventi siano realizzati:

  • lunedì 11 maggio sulla ciclabile di corso Porta Nuova.
  • lunedì 18 maggio, sarà rifatta la segnaletica orizzontale sulle piste di viale dell’Agricoltura e di viale Piave.
  •  settimana successiva i percorsi ciclopedonali lungo canale Camuzzoni, da via San Marco al Chievo, di stradone Santa Lucia e di via Dalla Chiesa.
  •  prime settimane di giugno, manutenzione della pista ciclabile di viale Colonnello Galliano
  •  a seguire, le ciclabili di viale Venezia, via Unità d’Italia e di via Legnago.
  • gli interventi si concluderanno con la manutenzione della ciclabile di via Centro.

“Da anni non veniva messo a punto un programma di manutenzioni delle ciclabili così articolato e completo , ha detto l’assessore alla Viabilità e Traffico Luca Zanotto . Abbiamo come priorità la sicurezza di pedoni e ciclisti e questa serie di interventi sarà determinante per rendere i percorsi più visibili e i suoi utenti più sicuri. Il nostro obiettivo inserito nel Pme è di gestire la mobilità cittadina in modo da scongiurare l’ipotesi di intasamenti e quindi garantire soluzioni efficienti per sistemi alternativi all’auto privata. A causa delle limitazioni da emergenza sanitaria, la capacità del trasporto pubblico è ridotta, quindi l’auto potrebbe apparire come l’unico sistema di trasporto. Invece, dopo l’allargamento della zona 30, questa misura va nella direzione di incrementare la mobilità attiva dei cittadini e di limitare l’utilizzo delle auto private in ambito urbano”.

G R

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui