Verona dice no alla sperimentazione sui macachi.

Verona dice no alla sperimentazione sui macachi.

L’associazione, ricercata su tutto il territorio nazionale attraverso una manifestazione d’interesse, dovrà essere in grado di prelevare a proprie spese i tre macachi, custodirli  in struttura autorizzata,  garantirne il mantenimento e cure veterinarie.

Spiega il sindaco Sboarina :

“In poco tempo si è giunti alla positiva conclusione di un importante percorso di collaborazione avviato con l’Università . La sottoscrizione del protocollo d’intesa sancisce un rivoluzionario cambio di strategia nelle metodologie di ricerche. Per il futuro, dovranno guardare a metodi alternativi rispetto alla sperimentazione sui primati non umani. E’ necessario comprendere che il benessere del genere umano è diametralmente collegato al benessere degli animali e dell’ambiente del nostro Pianeta. Prendersene cura è l’unica via percorribile per garantirne la salvaguardia in favore delle nuove generazioni”.

La consigliera Bocchi sottolinea:

“Un percorso di questo tipo  può essere portato avanti solo grazie alla collaborazione di persone illuminate. La firma del protocollo d’intesa tra Comune e Università di Verona, è il frutto di un importante lavoro di squadra che mi ha visto coinvolta fin dall’inizio, su invito delle associazioni del territorio. Una conclusione che genera una svolta di grande rilevanza sul tema della sperimentazione. Mi auguro che altre università seguano lo stesso esempio e mettano fine a pratiche crudeli che molto spesso non hanno ragione di esistere. Sussistendo alternative possibili da studiare e prendere in considerazione”.

G.R.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui