“Villafranca Città Blu” corso di formazione sui disturbi dello spettro autistico.

immagini di repertorio

“Villafranca Città Blu” corso di formazione sui disturbi dello spettro autistico.

Il Comune di Villafranca, nell’ambito del progetto “Villafranca Città Blu” propone, in co-progettazione con l’Ufficio Scolastico di Verona, Sportello Provinciale Autismo, un corso di formazione rivolto ai docenti di ogni ordine e grado dal titolo:

“Una scuola blu in cambiamento: proposte di buone prassi per l’Autismo”.

L’autismo è una condizione del neurosviluppo estremamente complessa e varia, le caratteristiche principali  si possono  elencare in punti comuni a tutti, che variano nella loro intensità e frequenza:

  • deficit persistente nella comunicazione sociale, nell’interazione sociale e nella reciprocità socio-emotiva, in diversi contesti, non spiegabile attraverso un ritardo generalizzato dello sviluppo;
  • alterazioni del linguaggio e della comunicazione;
  • comportamenti e/o interessi e/o attività ristrette e ripetitive;
  • iper-reattività e/o ipo-reattività agli stimoli sensoriali o interessi inusuali rispetto a certi aspetti dell’ambiente: apparente indifferenza al caldo/freddo/dolore, risposta avversa a suoni o sensazioni tattili specifiche, eccessivo odorare o toccare gli oggetti, fascinazione verso luci o oggetti roteanti.

Tali caratteristiche sono alla base delle difficoltà che la persona nello spettro autistico incontra nel processo di inserimento nel contesto scolastico e sociale.

 Il corso intende formare e sensibilizzare il personale della scuola con lo scopo di preparare un contesto accogliente inclusivo all’ingresso di alunni autistici nel percorso scolastico.

La formazione si svilupperà in 3 pomeriggi dalle 16:30 alle 18:30 in modalità on-line.

  • 1° incontro martedì 01/12/2020: relatori dott. Brigo (psicologa/psicoterapeuta) dott.sse Bodini e

Rigoni (ins. operatori dello Sportello Autismo)

a seguire 2 laboratori

  • 2° incontro martedì 22/12/2020 dott. Moyano (psicologa/psicoterapeuta) dott.sse Bodini e Rigoni

(ins. operatori dello Sportello Autismo)

  • 3° incontro martedì 26/01/2021 dott. Sabaini (psicologa/psicoterapeuta) dott.sse Bodini e Rigoni

(ins. operatori dello Sportello Autismo)

La formazione si rivolge a docenti sia di posto comune sia di sostegno che hanno in carico

alunni/studenti con disturbi dello spettro autistico.

 Sono oltre duecento le iscrizioni pervenute che hanno indotto lo sportello ad organizzare più gruppi a testimonianza che i docenti non si fermano mai nel continuo aggiornamento in base alla rilevazione dei bisogni.

 Molto soddisfatto il Sindaco Roberto dall’Oca che ringrazia tutti gli esperti dello Sportello  Autismo e di Ants e i docenti che affrontano questo tema pregnante di valori umani.

 E ribadisce la dottoressa Anna Lisa Tiberio , Assessore all’Istruzione, legalità e lavoro del Comune di Villafranca di Verona  che questa attività ben si inserisce tra le attività tese a conseguire l’obiettivo n.4 dell’  Agenda 2030 dell’ONU PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE che si prefigge di garantire risultati di apprendimento adeguati tramite un’educazione primaria e secondaria adatta per garantire a tutti un uguale accesso ai percorsi formativi e professionali.

Un momento importante per la nostra Comunità sociale perché tutti a vari livelli ed ognuno con il proprio ruolo può fare davvero molto per rendere il Mondo più inclusivo.

 “ Ogni essere umano ha potenzialità che devono essere riconosciute e valorizzate ma per raggiungere questo approccio pedagogico importante è lavorare sulle competenze relazionali e metodologiche attive.

 Devono essere implementati percorsi di ricerca nel settore e per questo sono fondamentali le reti che si sviluppano sul tema a livello mondiale”.

 Fondamentale è stato il supporto dello “Sportello Autismo” dell’Ufficio Scolastico -AMBITO TERRITORIALE VII di Verona coordinato da Lara Tutone Il servizio si occupa di individuare le situazioni problematiche; confronto e condivisione di percorsi educativi; mediazione tra personale della scuola, specialisti e famiglia; definizione di spazi, tempi e materiali; intervento di presentazione e informazione per gli alunni della classe nella quale è inserito l’alunno con autismo; pianificazione ed organizzazione del passaggio da un grado scolastico all’altro con intervento anche sulla nuova classe; orientamento scolastico; documentazione, descrizione di buone pratiche, strumenti e materiali didattici; formazione al Collegio Docenti e personale Ata; percorsi di formazione e/o convegni aperti ad insegnanti, operatori addetti all’assistenza, genitori.

G R

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui