Volare, cantare e giocare… con la Compagnia Gino Franzi.

Con la regia di Jessica Grossule, lo spettacolo, tratto da un testo di Stefano Modena

La Compagnia Gino Franzi ODV festeggia quest’anno 15 anni di impegno sociale e culturale per la città.

L’associazione si dedica soprattutto all’intrattenimento della terza età, e lo spettacolo Volare oh, oh, cantare oh, oh,oh, oh, il gioco dell’oca in musica, è il traguardo finale di un progetto iniziato quasi due anni fa con la pubblicazione di un gioco dell’oca storico musicale, con la distribuzione nelle case di riposo e nei centri anziani per un intrattenimento evocativo del vissuto giovanile.

Così Sabato 11 gennaio 2020 alle ore 21 e domenica 12 gennaio alle ore 16.30 va in scena lo spettacolo “Volare oh oh, cantare oh oh oh oh , il gioco dell’oca in musica” presso il Teatro Camploy, via Cantarane 32, Verona.

Con la regia di Jessica Grossule, lo spettacolo, tratto da un testo di Stefano Modena, racconta una storia ambientata negli anni ’60 in un bar di Verona, dove un gruppo di individui strani, si incontra intorno ad un tavolo e giocando a dadi , come per magia, appaiono personaggi storici, cantanti ed attori dei primi 60 anni del secolo scorso……..

Lo scopo dello spettacolo è di far rivivere con con gioia quei tempi e quelle canzoni , nella convinzione che il potere evocativo della musica possa svolgere un ruolo importante di stimolo sulla memoria.

“L’intrattenimento degli anziani non ha un valore semplicemente ludico, ma costituisce una necessità sociale e probabilmente anche uno strumento per migliorare le capacità cognitive: questo obbiettivo si ottiene stimolando la memoria storica e con essa quella emotiva attraverso i ricordi” come afferma giustamente Stefano Modena.

informazioni:

tel:0458343213

Mail:ginofranzi@gmail.com – compagniaginofranzi@pec.it

G R

(fonte:https://www.verona-in.it/2020/01/08/volare-oh-oh-cantare-oh-ohoh-oh-il-gioco-delloca-in-musica/)

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui